menu di scelta rapida

background image

torna al menu di scelta rapida

torna al menu di scelta rapida

Investimenti per la digitalizzazione dei SUAP e dei rapporti tra PA e imprese

Semplificare la macchina amministrativa per semplificare la vita di cittadini e imprese: un unico SUAP (Sportello Unico per le Attività Produttive) con un unico sistema informatico, un'unica modulistica, un'offerta omogenea e completa di servizi per tutti i Comuni del Lazio.

A CHI E’ RIVOLTO

Beneficiari dell'intervento sono i 378 Comuni del Lazio in misura differenziata secondo le rispettive esigenze di adeguamento informatico.

PERCHE’

La Regione vuole sopperire alla varietà dei sistemi informatici utilizzati dai Comuni, che generano difficoltà e confusione all'utenza e rendere omogenee su tutto il territorio regionale le procedure e la modulistica nell'ottica della semplificazione amministrativa e della riduzione degli oneri a carico delle imprese. Per farlo è necessario dotare i Comuni sprovvisti dello Sportello unico degli strumenti e delle risorse necessarie per la gestione in via autonoma del SUAP. Sarà realizzata una piattaforma unica telematica che prevede un sistema di standardizzazione dei procedimenti e di unificazione della modulistica su tutto il territorio regionale da mettere a disposizione dei Comuni singoli o associati che gestiscono lo sportello unico, anche mediante la stipula di accordi o convenzioni per la realizzazione condivisa della banca dati con le altre amministrazioni ed enti che intervengono nei procedimenti (VV.FF., Prefettura, Sovrintendenze, Agenzia Dogane, ecc.).

COME FUNZIONA

Vogliamo rendere disponibile in tutti i Comuni del territorio regionale un sistema informatico a servizio dei SUAP, rispondente alla normativa vigente, tramite la realizzazione di un software contenente la standardizzazione delle procedure e della modulistica per commercio, industria, artigianato, agricoltura, turismo, servizi alle imprese e altri. L’adozione da parte dei Comuni del software - previa erogazione di contributi a fondo perduto - avverrà con l’adeguamento del sistema operativo in uso ovvero con l’acquisizione di un sistema operativo ex novo, con ammodernamento o acquisizione ex novo dell'hardware, e mediante assistenza tecnica. La base di lavoro è costituita dal portale di Infocamere, strutturato attualmente per il solo settore del commercio e che verrà ampliato a tutti i settori sopra indicati. Ad oggi 135 Comuni sono in delega alle CCIAA e 35 sono in convenzione con le stesse e utilizzano pertanto il portale di Infocamere, mentre 203 sono dotati di sistema autonomo e 5 sono silenti. Il risultato atteso è del 100% dei beneficiari.

FONTI DI FINANZIAMENTO
BILANCIO REGIONALE POR FESR
2014-2020
POR FSE
2014-2020
PSR
2014-2020
Fondo Sviluppo e Coesione
2014-2020
ALTRE RISORSE
  x